Contact Details

PARISH PRIEST:
Fr Gregory Rowles
96 Catherine St, Leichhardt
NSW 2040, Australia.
Phone: (02) 9518 0650

OFFICE SECRETARY:
Lilla Contarino
Hours: Monday - Friday
(8.30 am - 12.00 pm)
= Saturday & Sunday Closed =

EMAIL:
fiacre@capuchinfriars.org.au

WEBSITE:
leichhardtchurch-stfiacres.blogspot.com.au
Powered by Blogger.

Recent News

Subscribe to me on YouTube


After teaching his disciples on the necessity of praying with persistence (vs 1-8), Jesus told another parable on prayer, which was unique to Luke.  

In the story, two individuals went to the Temple to pray. The first was a Pharisee, so named "the separated ones" as they strictly avoided anything that might contaminate their adherence to the minute details of the law. This Pharisee also separated himself from others by his self-righteous attitude. He smugly depended on his virtues and did not ask pardon from God for his sins.

The other man in the story was a publican, a tax-collector. Tax-collectors were held in contempt because they collaborated with the Roman government and often over-charged their own people. Although this man had nothing to commend him, he humbly prayed for God's forgiveness of his wrongdoings. Jesus declared that this man was justified because of his honest admission of his sinfulness and need of salvation.

REFLECTING: Does my pride get in the way of serving God and others?

PRAYING: Pray the ancient Jesus Prayer: Lord Jesus, Son of God, have mercy on me, a sinner.


Masses and Intentions
of The Week


Monday to Saturday 7.00am:
Daily Mass

Saturday 4.45 to 5.15pm:
Confessions

Saturday 5.30pm:
(Vigil Mass)

Sunday 8.00am:
(Mass at Lilyfield ) 

Sunday 9.30am in Leichhardt:
English Holy Mass

Sunday 11.00am in Leichhardt:
Italian Holy Mass

Sunday 4.00pm in Leichhardt:
Youth Adoration & Mass

 

New Baptism


Saint Fiacre’s Parish Leichhardt welcomes Hudson Lee Jessup who was baptised on Saturday 19th October 2013; and also Emily & Cody Crisafulli who were baptised on Sunday 20th October 2013.

November Intentions


Every Mass during the month of November will be offered to Our Lord for all our deceased Loved Ones.


Our Lady of the Rosary


The Feast of Our Lady of the Rosary, Sunday 27th October - 2.00pm at St Fiacre’s. Solemn Mass followed by Procession in the Church grounds & Benediction of the Blessed Sacrament. Shared supper in the Parish Hall afterward.

St Fiacre's Artbeat


Celebration in Saint Fiacre’s Parish Hall. Friday 1st November at 7.00pm. Artbeat is an evening for grown-ups bringing together the community of St Fiacre's Primary School, local businesses and the wider Inner West community. It will showcase local artists, handmade or locally designed crafts, artwork by the classes of St Fiacre's, food, wine and music. Everyone is invited! A St Fiacre’s P&F initiative. For more info, please visit our website (click here):

Renewal in the Holy Spirit


Celebration of the Holy Mass, followed by the Adoration of the Most Blessed Sacrament. St Fiacre’s - Friday 1st November - 10.00am.

Dio Rende Giusto Chi Lo Cerca Con Fede

Gli uomini partecipano tutti della stessa impotenza e sono solidali nello stesso stato di rottura con Dio: non possono salvarsi da se stessi, non possono cioè entrare da soli nell’ amicizia di Dio. Il primo atto di verità che l’uomo deve compiere è riconoscersi peccatore, impotente a salvarsi, e aprirsi quindi all’azione di Dio. (Lc 18,8).  


Il fariseo e il pubblicano: due modi di dialogare con Dio
Nella parabola ci sono due modi di concepire l’uomo e il suo rapporto con Dio. La preghiera del fariseo è un rendimento di grazie a Dio. Solo apparente però. In realtà è un pretesto per lodare se stesso e non Dio, compiacersi di sé per la mancanza di ogni peccato e per il merito delle buone opere, in forza delle quali si ritiene giustificato ed «esige» da Dio la ricompensa.

La preghiera del fariseo non è preghiera, anzi è l’opposto. Il pubblicano invece è «nella verità»: è consapevole della sua colpa e di non avere meriti davanti a Dio. Chiede grazia. La sua è vera preghiera. Perciò dietro i due personaggi della parabola si può scorgere l’opposizione tra due tipi di giustizia: quella dell’uomo che ritiene di poterla realizzare col compimento perfetto della legge e quella che Dio concede al peccatore che si riconosce tale e che si converte. Il tema paolino della giustificazione mediante la fede si trova già delineato in questa parabola.

Perché la fede in Cristo «giustifica» l’uomo
Il cristiano è un uomo realmente giustificato mediante la fede in Gesù Cristo, in colui che è ad un tempo il dono sostanziale dei Padre e quell’uomo fra gli uomini che ha potuto costruire l’unica risposta umana gradita a Dio. E’ questo il motivo per cui la fede in Gesù salva. Infatti Gesù inaugura nella sua persona il regno del Padre in cui si compie il destino dell’uomo. Per sé, come per i suoi fratelli, Gesù esige la rinuncia assoluta che implica la fedeltà alla condizione di creatura: la rinuncia è sino alla morte e, se necessario, sino alla morte in croce. E’ il salvatore del mondo che parla così. Come può quest’uomo che ha spinto sino alle ultime conseguenze la rivelazione della condizione umana proclamarsi nello stesso tempo il salvatore dell’umanità? A questa domanda non c’è che una risposta: veramente quest’uomo è il Figlio di Dio; Dio ha tanto amato il mondo da dare per esso il suo Figlio unico; e nello stesso tempo egli è uomo tra gli uomini; la sua fedeltà di creatura è, per identità, una fedeltà filiale. La risposta attiva di questo uomo raggiunge perfettamente l’iniziativa divina.

La fede sorgente di una vita nuova di figlio
L’unione a Cristo ci rende capaci della stessa «fedeltà filiale» fino alla croce. L’uomo è «giustificato» perché la fede in Cristo gli dà accesso al Padre in qualità di figlio adottivo. La salvezza è dono divino, diventa nell’uomo sorgente di una attività filiale in cui si compie oltre ogni misura la fedeltà alla nuova legge dell’amore. Paolo, l’araldo della giustificazione mediante la fede, è anche il grande testimone della vita nuova che sboccia dalla fede in Cristo. Ormai vecchio, in carcere, in attesa della condanna a morte, riflette sulla sua vita (seconda lettura). La sua esperienza di Cristo si conclude con un fallimento umano: tutti lo hanno abbandonato, nessuno in giudizio lo ha difeso. Ma egli ha «conservato la fede», ha gareggiato per Cristo ed è rimasto fedele fino alla mèta. La sua speranza lo conduce alla certezza della «ricompensa» che riceverà da Cristo per la sua vita di dedizione e di amore sull’esempio di Gesù.

Oggi la sufficienza farisaica non è più l’osservanza di una legge, ma prende altri nomi. In molti c’è la convinzione che l’uomo possa salvarsi come uomo facendo appello unicamente alle sue risorse. L’uomo salva l’uomo mediante la scienza, la politica, l’arte. E’ perciò più che mai necessario che i cristiani annuncino al mondo Cristo come salvatore. La salvezza che egli porta non è antagonista della salvezza umana. Anzi la conduce a pienezza. Con la celebrazione dei sacramenti, specie della Eucaristia, essi testimoniano la necessità dell’intervento divino sulla vita dell’uomo, si mettono sotto l’azione di Dio presente con il suo spirito, e fanno l’esperienza privilegiata della giustificazione ottenuta mediante la fede in Gesù Cristo. Devono perciò essere continuamente vigilanti per non partecipare ai sacramenti con spirito farisaico.

(Source: http://www.maranatha.it/Festiv2/ordinC/C30page.htm)

Il Terz' Ordine Francescano Secolare


Domenica 3 Novembre, ore 3.00 pm. Casa d’Italia, Norton Street 67, Leichhardt.

Gruppo Del
Santo Rosario


Mercoledì 6 Novembre, ore 10.00 am. Famiglia Torresan 56 Henry Street, Leichhardt.

Rinnovamento Nello
Spirito Santo


Celebrazione della Santa Messa e Adorazione del Santissimo Sacramento, San Fiacre - Venerdì 1 Novembre, 10.00 am.

Gruppo Di Preghiera
Di Padre Pio


Mercoledì 6 Novembre, ore 7.00 pm, Chiesa di San Fiacre.

Movimento Mariano
Per I Sacerdoti


Tutti i Lunedì, ore 8.30 pm - Fam. Prestipino Norton Street n. 267, Leichhardt.


TUTTI BENVENUTI! EVERYONE’S WELCOME!

Jesus knew that his disciples might lose heart after he ascended to his Father, and he encouraged them to persist in prayer. 

He told them a parable about a widow who pleaded with a judge for her rights. In contrast to the powerful figure of the judge, the widow represented the poor and defenseless. The law of Moses was meant to protect helpless members of society such as widows, orphans and aliens (Deut 10:18; 14:29; 16:11). This judge might have been a paid magistrate appointed by Herod or by the Romans, for he disregarded both God's law and human need.

Without support of a husband and lacking resources of any kind, she had no hope of expecting justice. Nevertheless, the woman persisted in her demands, and the judge finally relented. Jesus did not compare God to an unjust judge. He said, if such a person could be persuaded into giving a widow justice, how much more would God answer those who cried for mercy (Ex 22:20-22). Christians must work for God's justice and support legislation on behalf of the poor and defenceless.

REFLECTING: Who are the people in my community whose rights are not heard?

PRAYING: Lord God, help me to be just in all my dealings.



Masses and Intentions
of The Week


Monday to Saturday 7.00am:
Mass

Saturday 4.45 to 5.15pm:
Confessions

Vigil Mass Saturday 19 Oct 5.30pm:
Silvia Asono - RIP

Sunday 20 Oct 8.00am
(Mass at Lilyfield):
Pauline Galea - RIP

Sunday 20 Oct 9.30am:
English Mass

Sunday 20 Oct 11.00am:
Festa di San Gerardo Magella

Monday 21 Oct 2.00pm:
Tindara Scalone - Funeral

Wednesday 23 Oct 7.30pm:
Grazia Coco - RIP

Thursday 24 Oct 7.00pm:
Domenico Lo Surdo – RIP

Friday 25 Oct 9.00am:
St Fiacre’s Primary School - MASS

Friday 25 Oct 7.00pm:
Giuseppe Puggioni - RIP



New Baptism


Saint Fiacre’s Parish Leichhardt welcomes Ivy Ana Abbatantuono who was baptised on Sunday 13th October 2013.

World Mission Day


Sunday, 20th October,World Mission Day, instituted in 1926 by Pope Pius XI at the request of the Society for the Propagation of the Faith, calls us each year in the spirit of the Church's unity and universality, to a renewed commitment to everyone's responsibility for the spread of the Gospel message. Since the Church is by her very nature missionary, evangelization constitutes a duty and a right for every one of her members (cf. Vatican II Documents: Lumen gentium, n. 17; Ad gentes, nn. 28, 35-38). The Lord calls us to go beyond ourselves and to share with others the blessings we have received, beginning with the gift of faith, which cannot be considered as a private privilege but must be seen as a gift to be shared with those who have not yet received it. Such activity will benefit faith itself since faith is strengthened when it is shared.
(Pope John Paul II, 1992).


Our Lady of the Rosary


The Feast of Our Lady of the Rosary, Sunday 27th October - 2.00pm at St Fiacre’s. Solemn Mass followed by Procession in the Church grounds & Benediction of the Blessed Sacrament. Shared supper in the Parish Hall afterward.

St Fiacre's Artbeat


Celebration in Saint Fiacre’s Parish Hall. Friday 1st November at 7.00pm. Artbeat is an evening for grown-ups bringing together the community of St Fiacre's Primary School, local businesses and the wider Inner West community. It will showcase local artists, handmade or locally designed crafts, artwork by the classes of St Fiacre's, food, wine and music. Everyone is invited! A St Fiacre’s P&F initiative. For more info, please visit our website (click here):



La Preghiera Grido Che Nasce Dalla Nostra Povertà

Il tempo dell’attesa dell’ultima venuta di Cristo è il tempo della fede e della preghiera. «Il Figlio dell’uomo, quando verrà, troverà la fede sulla terra?» (Lc 18,8).  


C’è una circolarità tra fede e preghiera. Se è vero che per pregare bisogna credere è anche vero che per credere bisogna pregare. La preghiera perseverante è espressione e nutrimento della fede in Dio.

«Una via privilegiata per recuperare la dimensione più autentica della propria vita è costituita dal tempo dedicato alla preghiera. Pregare è stabilire un dialogo intimo con Dio e con noi stessi; è ascoltare una parola “per noi” che ci trasforma; è immettere, nella nostra vita la forza di rinnovamento dello Spirito»

Pregare è fare silenzio per ascoltare Dio
La preghiera cristiana prima che parola implorante è silenzio profondo per ascoltare e accogliere in sé la parola di Dio. Le persone entrano in comunione ascoltandosi. Noi entriamo in comunione con Dio e ci disponiamo a fare la sua volontà ascoltandolo. Come la fede, anche la preghiera nasce dall’ascolto: è una risposta vitale, ma anche verbale. Questa assumerà varie forme: un’azione di grazie, una contemplazione piena di ammirazione, una professione di fede, una dichiarazione di impegno, una domanda.

Anche la preghiera di domanda è una risposta all’invito di Cristo a «pregare sempre, senza stancarsi» (Lc 18,1). Ma qual è il significato della preghiera di domanda? Non è certamente quello di pretendere che egli faccia al nostro posto quello che dovremmo fare noi.

La preghiera di domanda è riconoscere il limite della condizione umana, è costatare che la liberazione totale e la piena realizzazione di sé non dipendono unicamente dall’uomo. L’uomo non può salvare se stesso. Manifestare a Dio «tutti» i propri bisogni e desideri è sottoporli alla sua luce, è vedere se sono legittimi o no. L’uomo è veramente ciò che domanda; le richieste gli vengono spontanee: dirle a Dio è vagliarle e purificarle.

La Preghiera di domanda: un atto di verità e di fede
La preghiera di domanda è segno di fiducia in Dio. Quando siamo certi che una persona ci vuole veramente bene, con spontaneità le chiediamo tutto ciò di cui abbiamo bisogno e che è buono.

San Giovanni definisce la fede come «credere all’amore di Dio per noi». Ebbene, il credente ha una fiducia così grande nel suo Dio, che a lui domanda tutto con semplicità e a lui si rimette. La parabola del giudice iniquo e della vedova ostinata richiama la necessità di pregare senza disarmare, anche se il Signore tarda e sembra sordo a tutte le nostre suppliche. L’argomento di Gesù è semplice: se un giudice iniquo finisce per darla vinta alla vedova, quanto più Dio che è giusto ascolterà il nostro grido d’aiuto.

Pregare non è forzare Dio a fare la nostra volontà
La preghiera cristiana non è una richiesta di intervento immediato di Dio, non è una formula magica che risolve i problemi, ma aderisce ed accetta la libertà e la pazienza di Dio.

Altrove, nel vangelo di Luca, Gesù ci dice che Dio ci darà non tanto quello che chiediamo, ma lo Spirito Santo per comprendere il significato di quello che ci capita e per essere suoi testimoni. «Se voi, che siete cattivi, sapete dare cose buone ai vostri figli, quanto più il Padre vostro darà lo Spirito Santo a coloro che glielo chiedono!» (Lc 11,13). La preghiera di domanda «esemplare» è quella di Gesù nel Getsemani: «Padre, se vuoi, allontana da me questo calice! Tuttavia non sia fatta la mia, ma la tua volontà» (Lc 22,42).

Il credente non vuole «piegare» Dio a fare la propria volontà, utilizzarlo per compiere i propri desideri, ma ottenere la grazia di conformare la propria volontà alla sua. Lui solo sa ciò che è veramente nostro bene.
La preghiera di domanda, quando è autentica, è sorgente di impegno per cominciare a fare quello che chiediamo. Pregare per la pace, spinge ad impegnarci per la pace; pregare perché cessino le sofferenze, spinge ad aiutare chi soffre... Per questo non deresponsabilizza mai l’uomo, anzi lo responsabilizza maggiormente.

«Chi prega si fa prima di tutto attento alla parola di Dio, per rendersi disponibile nella fede ad accogliere la chiamata che viene da lui. Manifesta al tempo stesso la speranza nel futuro di Dio che la preghiera in qualche modo anticipa e promuove. Dà anche una testimonianza di carità tanto è stretto il legame che unisce colui che prega a Dio. Partecipa infine alla vita del mondo, perché si sente impegnato in tutto ciò che fa venire il Regno. In tal modo la preghiera è l’atto più significativo del vivere cristiano».


(Source: http://www.maranatha.it/Festiv2/ordinC/C29page.htm)

As Jesus journeyed to Jerusalem, he crossed the border of Samaria where he met ten lepers; one of them was a Samaritan. 

Leprosy in Biblical times was not only Hansen’s disease, which attacked the skin and nerves causing deformities of body parts, but was a general term for various skin diseases that caused cultic impurity. According to the law of Moses, anyone infected with leprosy was rendered unclean and excluded from the community (Lv 13:45-46).

To re-enter society, the individual had to be examined by a priest who would determine if the person had been healed. When the lepers cried to Jesus for pity, he gave them a simple command to show themselves to the priest, which implied that they were already restored to health (Lv 14:1-4). Although all ten were healed, only the Samaritan returned to worship at the feet of Jesus and give thanks. While the others were healed of their physical affliction, this man was also saved by faith in Jesus despite the difference in religious belief.

REFLECTING: Lord Jesus, help me to see others the way you do.

PRAYING: Do I serve all people, regardless of their race, creed or colour?



Masses and Intentions
of The Week


Saturday 12 Oct 5.30pm:
Vigil Mass: Consecration to the Immaculate Heart of Mary.
Emy Livolsi - RIP

Sunday 13 Oct 8.00am:
Elisa Kronje - RIP

Monday 14 Oct 7.30pm:
Rosaria Seritti - RIP

Wednesday 16 Oct 7.00am:
Albert Thomas McKenna - RIP

Thursday 17 Oct 7.00pm:
Giuseppe Giuffre’ - RIP


New Baptism


Saint Fiacre’s Parish Leichhardt welcomes Stella Nicotra & Nicholas Camilleri who were baptised on Saturday 5th October 2013, and also Charlie Forbes who was baptised on Sunday 6th October 2013.

RCIA Course


The course will begin on Thursday 10th October. St Fiacre's Parish will be running a weekly RCIA (Rite of Christian Initiation of Adults). The course from 7:00pm-8:30pm. To register, please email the Parish Office by click in this image.


First Reconciliation


First Reconciliation will be on Monday 11 November 2013 at 7.30pm. Preparation Classes: 4.20pm-5.20pm, on 19th & 26th Oct - 2nd & 9th Nov.


Consecration of the Church


In a Spirit of unity with the Holy Father, with our Bishops and the Catholic faithful, Sunday 13th October, St Fiacre’s & Immaculate Conception Parish will be consecrated to the Immaculate Heart of Mary.
"Blessed are you, daughter,
by the Most High God,
above all the women on earth;
and blessed be the Lord God,
the creator of heaven and earth, who guided your blow at the head of the chief of our enemies.
Your deed of hope
will never be forgotten
by those who tell of
the might of God.
May God make this redound
to your everlasting honor, rewarding you with blessings, because you risked your life
when your people
were being oppressed,
and you averted our disaster, walking uprightly before our God." 
(Judith 13: 18, 20).


Renewal in the Holy Spirit


The celebration will be opened with the Holy Mass, followed by the Adoration of the Most Blessed Sacrament, at St Fiacre’s Church, in Friday, 4th October, 10.00am.

La Fede si Fa' Azione di Grazie

L’annuncio del regno di Dio è annuncio di salvezza fatto non soltanto con la parola ma anche con azioni. «I miracoli suggellano il trionfo dello Spirito su satana, ed è per questo che Gesù, investito dallo Spirito, entra in lotta con satana nel deserto.  


Il Cristo è l’uomo forte che, con dura lotta, ritoglie allo spirito del male ciò che ha usurpato. Gesù inaugura il regno messianico distruggendo l’impresa del suo avversario. I miracoli s’iscrivono dunque nella prospettiva dell’inaugurazione del regno messianico. Per il suo contenuto, il miracolo è una anticipazione del regno escatologico. Questo non sarà definitivamente rivelato che quando l’ultimo nemico, la morte, sarà vinto.

I miracoli che sono, a parte alcune eccezioni e per ragioni che è facile capire, delle vivificazioni, profetizzano la vivificazione definitiva: la vita eterna. Per mezzo del miracolo, la potenza vivificatrice di Dio fa irruzione nel tempo. Essa s’inserisce in un mondo che declina verso la morte. Il miracolo è una rottura nell’orientamento normale delle cose, e questa rottura ci tocca come il segno di una trascendenza.

I miracoli, nel tempo intermedio, sono i pegni della realtà futura. Essi sottolineano concretamente l’efficacia invisibile della Parola di Salvezza» (Ch. Duquoc). Manifestano la essenziale gratuità; dicono in forma evidente che la salvezza non è una conquista umana, ma un dono di Dio; mirano a suscitare la fede per la persona di Gesù e a far prorompere l’azione di grazie.

L’azione di grazie non è semplice riconoscenza umana...
Il messaggio delle letture di questa domenica non è un semplice insegnamento sul dovere morale della riconoscenza umana. Naaman Siro passa dalla guarigione alla fede: egli non riconosce più altro Dio se non il Dio di Israele (prima lettura). Il lebbroso del vangelo torna indietro «lodando Dio a gran voce». Il miracolo gli ha aperto gli occhi sul significato della missione e della persona di Gesù. Egli rende grazie a Dio non tanto perché il suo desiderio di guarire è stato soddisfatto, ma perché capisce che Dio è presente e attivo in Gesù.

Egli riconosce che Cristo è il Salvatore in cui Dio è presente ed opera non solo la salute del corpo ma la salvezza totale dell’uomo. E questa è fede. In Gesù egli vede manifestarsi la gloria di Dio (vangelo). Perciò Luca conclude il racconto con la parola di Gesù: «Alzati e va’; la tua fede ti ha salvato».
Salvato non già dalla lebbra, ma salvato nel senso cristiano del termine. La salvezza dalla lebbra è solo il segno di un’altra salvezza.

(Source: http://www.maranatha.it/Festiv2/ordinC/C28page.htm)



Il Terz' Ordine Francescano Secolare


Domenica 6 Ottobre ore 3.00 pm. Casa d’Italia, Norton Street 67, Leichhardt.

Gruppo Del
Santo Rosario


Mercoledì 2 Ottobre, ore 10.00 am. Famiglia Torresan 56 Henry Street, Leichhardt.

Rinnovamento Nello
Spirito Santo


Celebrazione della Santa Messa e Adorazione del Santissimo Sacramento, San Fiacre - Venerdì 4 Ottobre, 10.00 am.

Gruppo Di Preghiera
Di Padre Pio


Mercoledì 2 Ottobre, ore 7.00 pm, Chiesa di San Fiacre.

Movimento Mariano
Per I Sacerdoti


Tutti i Lunedì, ore 8.30 pm - Fam. Prestipino Norton Street n. 267, Leichhardt.


TUTTI BENVENUTI! EVERYONE’S WELCOME!

Luke recorded various sayings, or "logia," which were unique to his gospel, in order to sum up the teachings of Jesus on discipleship. 

As the demands of following Jesus grew heavier, the Apostles pleaded for an increase of faith. Jesus told them that if they had faith as small as a mustard seed they would accomplish great works. This saying meant that even those things that looked completely impossible would become possible if approached with faith.

Jesus' disciples must follow his example, and labor without expecting special treatment or payment. The field-hand had duties in the master's kitchen and at the master's table. These tasks were lowly ones, and might be performed without anyone appreciating them; yet they are images of loving service. When Jesus' disciples had done their best they could not expect to be rewarded for something that was only their duty to do.

REFLECTING: Am I a servant of the gospel, or do I expect others to serve me?

PRAYING: Lord Jesus, help me to "labor without reward save that of knowing I do your will"
(St. Ignatius Loyola)


Masses and Intentions
of The Week



Saturday 5 Oct 4.45 to 5.15pm:
Confessions

Saturday 5 Oct 5.30pm:
Vigil Mass
Michelina & Dominic Attard - RIP

Sunday 6 Oct 9.30am:
English Mass

Sunday 6 Oct 11.00am:
Italian Mass
Festa di San Francesco di Assisi

Monday 7 Oct 6.30pm:
Franco Impala – RIP

Monday 7 Oct 7.30pm:
Giuseppina Samr - RIP

Tuesday 8 Oct 7.00am:
Georgina Geougham - RIP


RCIA Course


The course will begin on Thursday 10th October. St Fiacre's Parish will be running a weekly RCIA (Rite of Christian Initiation of Adults). The course from 7:00pm-8:30pm. To register, please email the Parish Office by click in this image.


First Reconciliation


First Reconciliation will be on Monday 11 November 2013 at 7.30pm. Preparation Classes: 4.20pm-5.20pm, on 19th & 26th Oct - 2nd & 9th Nov.


Consecration of the Church


In a Spirit of unity with the Holy Father, with our Bishops and the Catholic faithful, Sunday 13th October, St Fiacre’s & Immaculate Conception Parish will be consecrated to the Immaculate Heart of Mary.

"Blessed are you, daughter,
by the Most High God,
above all the women on earth;
and blessed be the Lord God,
the creator of heaven and earth, who guided your blow at the head of the chief of our enemies.
Your deed of hope
will never be forgotten
by those who tell of
the might of God.
May God make this redound
to your everlasting honor, rewarding you with blessings, because you risked your life
when your people
were being oppressed,
and you averted our disaster, walking uprightly before our God." 
(Judith 13: 18, 20).


Renewal in the Holy Spirit


The celebration will be opened with the Holy Mass, followed by the Adoration of the Most Blessed Sacrament, at St Fiacre’s Church, in Friday, 4th October, 10.00am.

4 OTTOBRE: SAN FRANCESCO D'ASSISI

Convertitosi a Cristo da una giovinezza gaudente e spensierata, Francesco prende alla lettera le parole dei Vangelo e fa della sua vita una imitazione di Gesù povero e tutto proteso a compiere la volontà del Padre. In una conformazione e trasformazione tale che « da Cristo prese l’ultimo sigillo », come dice Dante (Paradiso, 11, v.107): « portare le stigmate della Passione nel suo corpo » (cf Gal 6,17). 


Francesco si allontana dall’antica e tradizionale concezione della vita monastica. Egli crea una « fraternità »; i grandi ordini francescani che da lui hanno origine — Minori, Conventuali, Cappuccini — trovano in Francesco più che una regola, uno stile di vita. La forma di santità vissuta da Francesco si è diffusa nel mondo attraverso il Terz’Ordine e unisce tutti coloro che pongono lo spirito al di sopra della lettera e l’amore prima della giustizia. La sua azione missionaria, la predicazione evangelica di pace e bene sono andate al cuore dei popoli e delle classi sociali spesso in lotta fra loro. Pochi uomini hanno avuto tanto influsso nella società del loro tempo e oltre, come Francesco. La sua visione ottimistica della creazione, espressa nel Cantico di frate sole, il suo amore per « madonna Povertà », il suo spirito evangelico intrinsecamente e dinamicamente innovatore e riformatore in piena adesione alla Chiesa, sono messaggi vivi per il mondo attuale. Con santa Caterina da Siena è patrono principale d’Italia.

Dobbiamo essere semplici, umili e puri
Dalla «Lettera a tutti i fedeli» di San Francesco d'Assisi

Il Padre altissimo fece annunziare dal suo arcangelo Gabriele alla Santa e gloriosa Vergine Maria che il Verbo del Padre, così degno, così santo e così glorioso, sarebbe disceso dal cielo, e dal suo seno avrebbe ricevuto la vera carne della nostra umanità e fragilità. Egli, essendo oltremodo ricco, volle tuttavia scegliere, per sé e per la sua santissima Madre, la povertà. All'approssimarsi della sua passione, celebrò la Pasqua con i suoi discepoli. Poi pregò il Padre dicendo: «Padre mio, se è possibile, passi da me questo calice» (Mt 26, 39). Pose tuttavia la sua volontà nella volontà del Padre. E la volontà del Padre fu che il suo Figlio benedetto e glorioso, dato per noi e nato per noi, offrisse se stesso nel proprio sangue come sacrificio e vittima sull'altare della croce. Non si offrì per se stesso, non ne aveva infatti bisogno lui, che aveva creato tutte le cose. Si offrì per i nostri peccati, lasciandoci l'esempio perché seguissimo le sue orme (cfr. 1 Pt 2, 21). E il Padre vuole che tutti ci salviamo per mezzo di lui e lo riceviamo con puro cuore e casto corpo. O come sono beati e benedetti coloro che amano il Signore e ubbidiscono al suo Vangelo!

E' detto infatti: «Amerai il Signore Dio tuo con tutto il cuore e con tutta la tua anima, e il prossimo tuo come te stesso» (Lc 10, 27). Amiamo dunque Dio e adoriamolo con cuore puro e pura mente, perché egli stesso questo ricerca sopra ogni cosa quando dice «I veri adoratori adoreranno il Padre in spirito e verità» (Gv 4, 23). Dunque tutti quelli che l'adorano devono adorarlo in spirito e verità. Rivolgiamo a lui giorno e notte lodi e preghiere, perché dobbiamo sempre pregare e non stancarci mai (cfr. Lc 18, 1), e diciamogli: «Padre nostro, che sei nei cieli» (Mt 6, 9). Facciamo inoltre «frutti degni di conversione» (Mt 3, 8) e amiamo il prossimo come noi stessi. Siamo caritatevoli, siamo umili, facciamo elemosine perché esse lavano le nostre anime dalle sozzure del peccato. Gli uomini perdono tutto quello che lasciano in questo mondo. Portano con sé solo la mercede della carità e delle elemosine che hanno fatto.

E' il Signore che dà loro il premio e la ricompensa. Non dobbiamo essere sapienti e prudenti secondo la carne, ma piuttosto semplici, umili e casti. Non dobbiamo mai desiderare di essere al di sopra degli altri, ma piuttosto servi e sottomessi a ogni umana creatura per amore del Signore. E su tutti coloro che avranno fatte tali cose e perseverato fino alla fine, riposerà lo Spirito del Signore. Egli porrà in essi la sua dimora ed abitazione. Saranno figli del Padre celeste perché ne compiono le opere. Saranno considerati come fossero per il Signore o sposa o fratello o madre.

(Source: http://www.maranatha.it/Festiv2/festeSolen/1004Page.htm)



Il Terz' Ordine Francescano Secolare


Domenica 6 Ottobre ore 3.00 pm. Casa d’Italia, Norton Street 67, Leichhardt.

Gruppo Del
Santo Rosario


Mercoledì 2 Ottobre, ore 10.00 am. Famiglia Torresan 56 Henry Street, Leichhardt.

Rinnovamento Nello
Spirito Santo


Celebrazione della Santa Messa e Adorazione del Santissimo Sacramento, San Fiacre - Venerdì 4 Ottobre, 10.00 am.

Gruppo Di Preghiera
Di Padre Pio


Mercoledì 2 Ottobre, ore 7.00 pm, Chiesa di San Fiacre.

Movimento Mariano
Per I Sacerdoti


Tutti i Lunedì, ore 8.30 pm - Fam. Prestipino Norton Street n. 267, Leichhardt.


TUTTI BENVENUTI! EVERYONE’S WELCOME!